Monumento ai Caduti dell'Arma del Genio nella Prima Guerra Mondiale


Il Monumento ai Caduti dell'Arma del Genio nella Prima Guerra Mondiale si trova all'angolo tra Lungotevere della Vittoria e Piazzale Maresciallo Giardino, nel Quartiere Della Vittoria.
Nel 1923 il Direttore del Museo del Genio - che all'epoca aveva sede a Castel Sant'Angelo -, il Generale Mariano Borgatti, volle costituire un comitato per la realizzazione di un monumento ai caduti dell'Arma del Genio durante la Prima Mondiale.
Il Monumento nella sua vecchia collocazione, presso Castel Sant'Angelo
Dopo una raccolta fondi, venne incaricato Eugenio Maccagnani, scultore di gusto eclettico e collaboratore di Giuseppe Sacconi, nonché autore di diverse sculture presso il Vittoriano ed il Palazzo di Giustizia di Roma.
Il monumento venne realizzato nel luogo della sua prima collocazione, sul lato ovest di Castel Sant'Angelo, che come detto era la sede del Museo del Genio.
La scultura venne inaugurata pubblicamente il 20 Novembre del 1925 - il giorno prima era già stata fatta una Messa inaugurale presso l'Altare di Santa Barbara nella Chiesa di Santa Maria in Traspontina - ed era costituita da un'esedra sormontata da una raffigurazione del Genio. L'opera, nella sua collocazione del tempo, era al centro tra i due cancelli che permettevano l'accesso al Museo del Genio.
Sempre nell'esedra, due altorilievi illustrano le principali attività svolte dal Genio militare, e sotto di essi campeggia una scritta: "Valore e Genio consacrarono le vostre vite alla morte o morti diventati per l'Italia vita di gloria", frase che venne scelta dal Professor Carlo Mascaretti.


Alcentro dell'Esedra, invece, una targa commemora la motivazione del conferimento della Medaglia d'Oro al Valor Militare all'Arma del Genio.
Un'altra targa, sul retro del monumento, ricorda l'attività dell'Arma del Genio.

Nel 1937 venne costruita la nuova sede del Museo del Genio nel Quartiere Della Vittoria, in Lungotevere della Vittoria. Con l'occasione, anche il Monumento ai Caduti venne trasferito di fianco alla nuova sede, posizionandolo su una piccola scalinata.

Nessun commento:

Posta un commento