San Salvatore in Onda


La Chiesa di San Salvatore in Onda si trova in Via dei Pettinari, nel Rione Regola. La prima notizia sull'esistenza di questa Chiesa risale al 1127, quando è menzionata in una Bolla di Papa Onorio II (1124-1140). Intorno a tale periodo l'edificio era diviso a tre navate con un'abside centrale: ancora oggi parte dell'antica muratura risulta visibile.
La Chiesa risultava inizialmente intitolata a San Salvatore e San Cesareo. Probabilmente rimase intitolata solo a San Salvatore perché a San Cesareo era intitolata un'altra Chiesa nella stessa zona. Il nome "in Onda" deriva invece verosimilmente dalla vicinanza con il Tevere e dalle inondazioni cui tale zona era sottoposta o, come affermato dallo studioso Giuseppe Vasi, da un dipinto raffigurante il Salvatore che cammina sulle acque un tempo esistente nella Chiesa.
La Chiesa fu affidata ai Monaci di San Paolo Eremita da Papa Innocenzo VII (1404-1406) e vi rimasero fino al 1445, quando passarono a Santo Stefano Rotondo e Papa Eugenio IV Condulmer (1431-1447) cedete questa Chiesa ai Francescani Conventuali di Santa Maria in Ara Coeli.
Nel 1684 la Chiesa venne ridotta di dimensioni in seguito ad un restauro, mentre un nuovo restauro avvenne per volontà di Papa Benedetto XIII Orsini (1724-1730) che volle far rimuovere, le botteghe che stavano occupando parte della facciata.
Nel 1844 la Chiesa venne assegnata alla Pia Società dell'Apostolato Cattolico fondata pochi anni prima da San Vincenzo Pallotti (e, per questa ragione, una vicina piazza fu dedicata nel XX Secolo al Santo).
Negli anni '60 del XIX Secolo si palesarono alcuni problemi alla struttura della Chiesa, che inizialmente fu consolidata da Gaetano Morichini, architetto della Pia Società, ma nel 1865 per precauzione l'edificio fu chiuso. Nel 1877 Antonio e Pietro Cassetta finanziarono un grande restauro portato avanti dall'architetto Luca Carimini e dal muratore e stuccatore Domenico D'Amico.
L'attuale facciata della Chiesa si presenta in forme neoclassica, ben scandita da cornici e da lesene.

Nessun commento:

Posta un commento