Stele dell'Agricoltura


La Stele dell'Agricoltura si trova all'interno del Parco del Turismo, nel Quartiere Europa, meglio noto come EUR.
Tale opera è stata realizzata dallo scultore Ercole Drei tra il 1940 ed il 1942, e sarebbe dovuta essere collocata sulla facciata esterna del Palazzo della Mostra dell'Agricoltura nell'ambito dell'E42.
I Palazzi dell'Agricoltura e Bonifiche si trovavano sulle sponde del lago artificiale, e ne delimitavano, con le facciate ricurve, il versante occidentale.

Progetto dei Palazzi dell'Agricoltura e delle Foreste del 1940

Tuttavia, come noto, a causa dell'esplosione della Seconda Guerra Mondiale, l'Esposizione non si svolse e non tutte le strutture dove sarebbe dovuta essere ospitata vennero costruite.

La stele dell'Agricoltura doveva trovarsi sulla testata terminale del Palazzo dell'Agricoltura

Dal momento che il Padiglione dell'Agricoltura venne realizzato parzialmente, dopo la guerra si decise fatalmente di distruggerlo.

I padiglioni in costruzione nel 1941

Le opere decorative che erano invece state completate, la Stele dell'Agricoltura assieme ai bassorilievi del Padiglione delle Foreste, di Aroldo Bellini, furono collocati nel Parco del Turismo da Raffaele de Vico nel 1962.


La Stele è di dimensioni molto grandi, e nella parte frontale sono raffigurate in bassorilievo numerose attività dell'agricoltura, come la mietitura del grano, la raccolta delle olive, la vendemmia, la semina, la mungitura e l'aratura; sono presenti anche animali da pascolo nell'angolo superiore destro.


Nella parte inferiore della stele, si trova, al centro, una madre solenne con un figlioletto in braccio, con al fianco un altro bambino, simbolo della rurale Madre Italiana.
In basso invece, è presente una fontana, come nel progetto originario.








Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy