Le strade del Quartiere Flaminio

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Flaminio.

Via Francesco Carrara

Piazza Gentile da Fabriano

Largo Antonio Sarti

Progetti a Roma

Una serie di progetti e di opere ai realizzate che potrebbero o sarebbero potute esistere a Roma.

Colonna di Pio IX
Monumento a Ciro il Grande
Monumento Continuo (Grand Hotel Colosseo)
Piano Regolatore della Metropolitana del 1941
Progetto di espansione di Roma verso il Tirreno negli anni '30 e '40
Progetto per le ferrovie metropolitane di Roma del 1930
Progetto per un porto a Roma di Paolo Orlando
Progetto per la rete metropolitana di Roma del 1986
Progetto di riqualificazione di Tor Bella Monaca di Leon Krier
Terme Littorie
Tram Piazza Vittorio-Largo Corrado Ricci

Le strade del Rione Trastevere

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Rione Trastevere.

Via della VII Coorte

Via dell'Arco di San Calisto
Via dell'Arco de' Tolomei
Vicolo dell'Atleta

Giardino Domenico Bonamini

Vicolo del Cedro
Vicolo del Cinque
Via del Cipresso

Piazza del Drago

Vicolo della Frusta
Largo Maria Domenica Fumasoni Biondi

Via Bartolomeo Galletti
Piazza della Gensola
Via della Gensola

Via Jacopa de' Settesoli
Via Augusto Jandolo

Vicolo del Leopardo
Vicolo della Luce
Salita della Ungara
Via della Lungaretta

Via Goffredo Mameli
Via dei Marescotti
Piazza Mastai
Via del Mattonato
Vicolo del Mattonato
Via di Mazzamurelli
Via Gustavo Modena
Via di Monte Fiore
Via del Moro
Via Emilio Morosini

Via dell'Olmetto

Via della Paglia
Via dei Panieri
Vicolo dei Panieri
Via della Pelliccia
Vicolo del Piede

Vicolo del Quartiere

Vicolo della Renella
Piazza de' Renzi
Vicolo de' Renzi
Via Ripense

Via Gaetano Sacchi
Vicolo di Sant'Agata
Piazza di Sant'Apollonia
Via di Santa Bonosa
Via di San Calisto
Piazza San Cosimato
Vicolo di San Francesco a Ripa
Via di San Francesco di Sales
Via di San Gallicano
Largo San Giovanni De Matha
Vicolo di Santa Margherita
Piazza di Santa Maria in Trastevere
Vicolo di Santa Maria in Trastevere
Piazza di Santa Rufina
Vicolo di Santa Rufina
Via Giulio Cesare Santini
Via Luigi Santini
Via della Scala
Via Titta Scarpetta
Piazza Sidney Sonnino
Via degli Stefaneschi

Piazza Giuditta Tavani Arquati
Via Carlo Tavolacci
Via Oreste Tiburzi
Via Angelo Tittoni
Vicolo della Torre

Vicolo dei Vascellari
Via Giacomo Venezian

Via Giggi Zanazzo

Le targhe rionali di Ponte

A seguire un elenco delle targhe rionali presenti nel Rione Ponte suddivise per strada:

Targa rionale di Via Santa Maria dell'Anima

Le targhe rionali di Parione

A seguire un elenco delle targhe rionali presenti nel Rione Parione suddivise per strada:

Targa rionale di Via Santa Maria dell'Anima

Targhe rionali di Roma

Nel 1743 il Papa Benedetto XIII Lambertini fece mettere per le strade di Roma una serie di targhe che sancivano il confine tra i diversi rioni. Queste targhe rionali risalgono in gran parte a quell'epoca, anche se ne esistono di successive. Ecco una serie di elenchi, rione per rione, che individuano queste targhe:

Targhe rionali di Monti
Targhe rionali di Trevi
Targhe rionali di Colonna
Targhe rionali di Campo Marzio
Targhe rionali di Ponte
Targhe rionali di Parione
Targhe rionali di Regola
Targhe rionali di Sant'Eustachio
Targhe rionali di Pigna
Targhe rionali di Campitelli
Targhe rionali di Sant'Angelo
Targhe rionali di Ripa
Targhe rionali di Trastevere
Targhe rionali di Borgo
Targhe rionali dell'Esquilino
Targhe rionali di Ludovisi
Targhe rionali di Sallustiano
Targhe rionali di Castro Pretorio
Targhe rionali del Celio
Targhe rionali di Testaccio
Targhe rionali di San Saba
Targhe rionali di Prati

Le torri del Rione Ponte

A seguire un elenco alfabetico delle torri presenti nel Rione Ponte

Tor Sanguigna, in Piazza di Tor Sanguigna
Torre della Scimmia, in Via dei Portoghesi

Torri di Roma

A seguire una serie di elenchi - per ciascuna suddivisione toponomastica - relativi alle torri di Roma.

Torri del Rione Monti
Torri del Rione Trevi
Torri del Rione Colonna
Torri del Rione Campo Marzio
Torri del Rione Ponte
Torri del Rione Parione
Torri del Rione Regola
Torri del Rione Sant'Eustachio
Torri del Rione Pigna

Torri della Zona Tor Sapienza

Strade immaginarie di Roma

Nell'ambito della storia di Roma, ci sono delle strade che sono esistite solo nell'immaginazione. Esse possono comparire in un libro, in un film, in una poesia e possono essere parte di una finzione letteraria, di uno scherzo o di altre cose. Eccone un elenco alfabetico:

Vicolo del Rampino

Palazzi del Rione Ponte

A seguire un elenco dei palazzi nobiliari del Rione Ponte, in ordine alfabetico:

Palazzo Bassi, in Corso Vittorio Emanuele II
Casa di Giovanni Sander, in Via di Santa Maria dell'Anima
Palazzo del Principe Torlonia, in Via Giuseppe Zanardelli

Le pietre d'inciampo del Rione Prati

A seguire, suddivise per strada (elencate in ordine alfabetico), trovate l'elenco delle pietre d'inciampo presenti nel Rione Prati.

Viale Giulio Cesare
- Pietre d'inciampo in memoria di Giulio Mortera, Jole Mortera e Virginia Scazzocchio in Mortera

Via Vespasiano
- Pietra d'inciampo in memoria di Cesare Astrologo

Pietre d'inciampo di Roma

Le pietre d'inciampo, note anche con il nome tedesco di Stolpersteine, nascono su iniziativa dell'artista tedesco Gunter Demnig con l'obiettivo di ricordare all'interno dei tessuti urbani tutti i cittadini morti nei campi di sterminio e negli eccidi compiuti dai nazifascisti durante la Seconda Guerra Mondiale.
Questa iniziativa ha coinvolto città di numerosi Paesi a partire dal 1995, e a Roma le prime sono state poste nel 2010 e la loro collocazione è proseguita negli anni. A seguire una serie di elenchi, per ciascuna suddivisione toponomastica, sulle pietre d'inciampo presenti a Roma.

Pietre d'inciampo nel Rione Monti
Pietre d'inciampo nel Rione Trevi
Pietre d'inciampo nel Rione Colonna
Pietre d'inciampo nel Rione Campo Marzio
Pietre d'inciampo nel Rione Ponte
Pietre d'inciampo nel Rione Parione
Pietre d'inciampo nel Rione Regola
Pietre d'inciampo nel Rione Sant'Eustachio
Pietre d'inciampo nel Rione Pigna
Pietre d'inciampo nel Rione Campitelli
Pietre d'inciampo nel Rione Sant'Angelo
Pietre d'inciampo nel Rione Ripa
Pietre d'inciampo nel Rione Trastevere
Pietre d'inciampo nel Rione Borgo
Pietre d'inciampo nel Rione Esquilino
Pietre d'inciampo nel Rione Ludovisi
Pietre d'inciampo nel Rione Sallustiano
Pietre d'inciampo nel Rione Castro Pretorio
Pietre d'inciampo nel Rione Celio
Pietre d'inciampo nel Rione Testaccio
Pietre d'inciampo nel Rione San Saba
Pietre d'inciampo nel Rione Prati

Pietre d'inciampo nel Quartiere Flaminio
Pietre d'inciampo nel Quartiere Parioli
Pietre d'inciampo nel Quartiere Pinciano
Pietre d'inciampo nel Quartiere Salario
Pietre d'inciampo nel Quartiere Nomentano
Pietre d'inciampo nel Quartiere Tiburtino
Pietre d'inciampo nel Quartiere Prenestino-Labicano
Pietre d'inciampo nel Quartiere Tuscolano
Pietre d'inciampo nel Quartiere Appio-Latino
Pietre d'inciampo nel Quartiere Ostiense
Pietre d'inciampo nel Quartiere Portuense
Pietre d'inciampo nel Quartiere Gianicolense
Pietre d'inciampo nel Quartiere Aurelio
Pietre d'inciampo nel Quartiere Trionfale
Pietre d'inciampo nel Quartiere Della Vittoria

Le fontane scomparse del Quartiere Tiburtino

A seguire un elenco delle fontane scomparse un tempo esistenti nel Quartiere Tiburtino, elencate in ordine alfabetico.

Fontana Tiburtina, in Piazzale del Verano

Fontane scomparse di Roma

Ecco un elenco delle fontane scomparse di Roma, elencate in base alla suddivisione territoriale in cui si trovano.

Fontane scomparse del Quartiere Tiburtino

Fontane del Rione Sant'Eustachio

A seguire un elenco delle fontane presenti nel Rione Sant'Eustachio, elencate in ordine alfabetico.

Fontana dei Libri, in Via degli Staderai
Fontana della Scrofa, in Via della Scrofa
Vasca Romana, in Via degli Staderari

Statue e monumenti del Quartiere Della Vittoria

A seguire un elenco in ordine alfabetico relativo alle statue e i monumenti non più esistenti del Quartiere Della Vittoria.

-Monumento ai Caduti dell'Arma del Genio, in Piazzale Maresciallo Giardino
-Statua del Cavallo RAI, in Viale Giuseppe Mazzini
-Statua di San Giuseppe con Gesù Adolescente, in Via della Giuliana

Le fontane della Zona Labaro

A seguire un elenco delle fontane presenti nella Zona Labaro, elencate in ordine alfabetico.

Fontana del Labaro, nel Parco Marta Russo

Le strade del Rione Borgo

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Rione Borgo.

Vicolo delle Palline

Alberghi di Roma nel Rione Castro Pretorio

A seguire un elenco alfabetico degli alberghi presenti nel Rione Castro Pretorio

Hotel Mediterraneo, in Via Cavour
Hotel Quirinale, in Via Nazionale

Alberghi di Roma

A seguire un elenco di liste per suddivisione toponomastica relative agli alberghi di Roma:

Alberghi del Rione Campo Marzio
Alberghi del Rione Castro Pretorio

Statue e monumenti scomparsi del Rione Pigna

A seguire un elenco in ordine alfabetico relativo alle statue e i monumenti non più esistenti del Rione Pigna.

Statua di San Pietro in Piazza del Collegio Romano, Piazza del Collegio Romano

Statue e monumenti scomparsi di Roma

A seguire una serie di elenchi, uno per suddivisione toponomastica, relativi alle statue e i monumenti non più esistenti.

Statue e monumenti scomparsi del Rione Pigna
Statue e monumenti scomparsi del Rione Castro Pretorio

Le strade del Quartiere Parioli

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Parioli.

Viale dei Parioli

Piazza Santiago del Cile

Piazza Ungheria
Via Unione Sovietica

Palazzo Borghese


Palazzo Borghese si trova in Piazza Borghese, nel Rione Campo Marzio, ed è stato per secoli il palazzo patrizio della famiglia Borghese.
Le origini dell'edificio risalgono al 1560, quando Monsignor Tommaso del Giglio acquistò un palazzo nei pressi di via di Ripetta dagli eredi del cardinale Giovanni Poggio (1493-1550) per una somma di 6.800 scudi. A partire dal 1561 sull’area in questione venne costruito il nuovo palazzo, fino al 1578, anno della morte di Tommaso del Giglio. Riguardo questo periodo è stato ipotizzato il coinvolgimento del Vignola (1507-1573) nei lavori fino al 1573, anno della sua morte.
Il palazzo, praticamente terminato, rimase inabitato e privo di copertura fino al 1586, quando venne acquistato dal cardinale Pedro Deza (1520-1600), che incaricò Martino Longhi il Vecchio di proseguire i lavori per la costruzione del Palazzo. Alla morte del Longhi, avvenuta nel 1591, la direzione dei lavori fu affidata al suo allievo Flaminio Ponzio (1559-1613), che si occupò di ampliare il palazzo all’area dei vicini fabbricati che, nel frattempo, erano stati acquistati del Deza.


In seguito alla morte del cardinale, avvenuta nel 1600, fu il cardinale Camillo Borghese a prendere in affitto prima (1602) e acquistare poi (1604) il palazzo, grazie anche a un debito di 40mila scudi contratto grazie all’autorizzazione di Papa Clemente VIII Aldobrandini (1592-1605). L’elezione al soglio Pontificio del cardinale Borghese con il nome di Paolo V (1605-1621) portò ulteriore prestigio alla residenza, affidata formalmente ai suoi fratelli Giovanni Battista e Francesco, i cui lavori ebbero un forte impulso. Ritornato alla guida del cantiere il Ponzio (che aveva lasciato l’incarico nel 1600 con la morte del Deza), iniziarono i lavori della facciata sull’attuale piazza Borghese.


Nel 1607, quando l’ala occidentale del palazzo era quasi terminata, Paolo V decise di ampliare ulteriormente il palazzo, non considerandolo all’altezza di una dimora per la famiglia pontificia. Fu dunque ampliata la facciata orientale sull’odierna piazza Borghese, tanto da inglobare il palazzo Farnese-Poggio e raggiungere via di Ripetta, ridimensionando il ruolo della facciata del Longhi sull’odierna via Fontanella Borghese.


Nell’ambito di questo ampliamento, viene ingrandito il salone principale e viene realizzata la scala ovale, su ispirazione della scala circolare del Bramante presso il Palazzo del Belvedere in Vaticano, e vengono sgombrate dagli edifici preesistenti le aree antistanti alle due facciate del palazzo, creando così la piazza Borghese (oggi Largo della Fontanella di Borghese), la piazza Nuova Borghese (oggi piazza Borghese) e modificando in parte il tragitto di Via del Leone.


Un ulteriore ingrandimento del palazzo avvenne nel 1612, quando una loggia a tre arcate fu costruita su via di Ripetta che guardava verso il fiume, attribuita a Girolamo Rainaldi (1570-1655), forse diretto da Carlo Maderno (1556-1629), che aveva da poco realizzato la loggia interna al cortile. L’insolita forma del palazzo, dovuta ai numerosi ampliamenti e alla forma irregolare dell’area acquistata dai Borghese, portò i romani a ribattezzarlo “il cembalo”, per analogia con lo strumento musicale. In seguito alla morte di Paolo V, avvenuta nel 1621, il cardinale Scipione Borghese fece realizzare una nuova cappella nell’ala del palazzo che si affaccia su via di Ripetta, mentre nei decenni successivi il principe Giovanni Battista Borghese volle che fosse edificato un ninfeo all’interno del palazzo, per la cui realizzazione incaricò Carlo Rainaldi (1611-1691). Nel palazzo visse anche Paolina Borghese, moglie del principe Camillo Borghese nonché sorella di Napoleone Bonaparte, immortalata nella celebre scultura di Antonio Canova custodita nella Galleria Borghese. Proprio in questo periodo, all’inizio dell’Ottocento, vennero ammodernati gli appartamenti secondo il gusto neoclassico.


Il cortile di palazzo Borghese è caratterizzato da una serie di archi che poggiano su doppie colonne, che fanno da pendant a una loggia che, unendo le due ali dell’edificio, coniuga l’imponenza del palazzo a un effetto di forte ariosità. Non è noto conoscere chi abbia realizzato il cortile, visto che sia il Vignola, sia il Longhi, sono morti prima della sua realizzazione. La loggia, creata per unire il vecchio nucleo del Palazzo Deza con il nuovo Palazzo Borghese, è stata realizzata dal Maderno, che negli stessi anni stava realizzando una simile loggia presso il Palazzo Mattei di Giove. Una tipologia, questa, che già si era vista nella loggia michelangiolesca di Palazzo Farnese sul lato che da verso il Tevere.


Nel 1673 terminarono i lavori per la costruzione del nuovo ninfeo, voluti dal principe Giovanni Battista Borghese. La costruzione dell’opera è attribuita all’austriaco Johan Paul Schor (1615-1674), al quale però subentro in un secondo momento il Rainaldi, dopo che il principe Giovanni Battista Borghese decise di licenziare il primo perché, riportano le fonti, stufo delle sue stravaganze. Il Ninfeo ha una forma irregolare, a causa dell’insolita forma del palazzo. Questa situazione di partenza viene risolta dallo Schor attraverso l’uso di fontane come punti focali del cortile che creano così un effetto scenografico. Non è un caso che lo Schor fosse molto esperto per quanto riguarda l’architettura teatrale. La fontana centrale, opera di Leonardo Retti, rappresenta Venere con cupidi, colombe e cigni, anche se tuttavia la statua femminile è stata identificata come Diana, mentre le fontane laterali, realizzate da Filippo Carcani e Francesco Cavallini, richiamano con tutta probabilità alle stagioni della primavera e dell’estate.

Le strade del Quartiere Tuscolano

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Tuscolano.

Via Aosta

Via delle Cave

Via Fabio Numerio

Via del Mandrione

Piazza Re di Roma

Via Taranto

Via Umbertine

Via Vasto

Le strade del Quartiere Pinciano

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Pinciano.

Via Francesco Brioschi

Via Jacopo da Ponte

Via Mariano Fortuny

Viale dei Parioli
Viale dei Pupazzi

Piazza Santiago del Cile

Piazza Ungheria

Piazza Giuseppe Verdi

Strade scomparse del Rione Monti

A seguire un elenco delle strade del Rione Monti oggi non più esistenti. Per le strade attualmente esistenti del quartiere, rimandiamo a quest'altro elenco.

Vicolo Angusto
Argileto

Via Bonella

Dove vedere le partite dei Mondiali di Calcio 2018 a Roma



Anche senza l'Italia, i Mondiali di calcio rappresentano un importante spettacolo per chi ama questo sport e non solo. Molte persone hanno scelto di tifare o simpatizzare un'altra nazionale (noi, ad esempio, abbiamo scelto il Perù: ecco perché) mentre altre si limitano a guardare le partite nella speranza di assistere a un grande spettacolo sportivo. In ogni caso, in tantissimi a Roma stanno vedendo le partite del Mondiale di Russia, e per questo abbiamo deciso di segnalare un po' di locali e spazi pubblici dove è possibile vedere in compagnia le partite.
Un avviso per tutti: questo articolo non è un contenuto pubblicitario, perciò se i gestori di attività volessero vedere il loro locale in questa lista, possono contattarci scrivendo tra i commenti a questa pagina o nella posta privata della nostra pagina FB. Stesso discorso, oltre che per i proprietari, anche per gli avventori.

Lo stadio Luzniki di Mosca, sede della finale dei Mondiali

In ogni caso, ecco la lista dei posti dove vedere le partite dei Monidali di Calcio 2018 a Roma:
(come da tradizione del sito, i locali sono elencati suddivisi in ordine di suddivisione toponomastica)

Rione Monti
Shamrock Irish Pub, Via del Colosseo 1C

Rione Trevi
Nag's Head, Via IV Novembre 138B

Rione Campo Marzio
Löwenhaus, Via della Fontanella 16/b

Rione Parione
Abbey Theatre, Via del Governo Vecchio 51
Giganti Dj Bar, Campo de' Fiori 27
Numbs - Campo de' Fiori, Campo de' Fiori 29
Orusdir Pub, Via dei Cappellari 130

Rione Regola
The Drunken Ship, Campo de' Fiori 20

Rione Pigna
Scholars Lounge Irish Pub, Via del Plebiscito

Quartiere Tiburtino
Ex Dogana, Via dello Scalo di San Lorenzo 10
Ruins Pub, Via di Portonaccio 106

Quartiere Tuscolano
Bosco degli Elfi, Via Tuscolana 822

Quartiere Appio-Latino
Rock Side Pub, Via Veio 54

Giorgia Rossi, conduttrice del programma Mediaset sui Mondiali, in una foto pubblicata sul suo profilo Instagram


Quartiere Ostiense
Angeli Rock, Via Ostiense 193-195

Quartiere Portuense
Grunge Bar, Via Oderisi da Gubbio 218

Quartiere Trionfale
Birreria Old Trafford, Via Angelo Emo 61

Quartiere Della Vittoria
Birretta Wine and Food, Via Simone de Saint Bon 69-71-73

Quartiere Trieste
Jamboree Pub, Via Tagliamento 77
Sir Daniel Pub, Via Adige 86

Zona Lunghezza
Centro Commerciale Roma Est, Via Collatina km 12,800

Zona Torrino
Centro Commerciale EURoma2, Viale dell'Oceano Pacifico 83

Le strade del Quartiere Ostiense

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Ostiense.

Piazzale 12 Ottobre 1492

Via Giovanni Ansaldo
Via degli Argonauti

Via Caboto

Via Giustino de Jacobis

Via Giovanni da Empoli
Via Giovanni da Montecorvino
Via Obizzo Guidotti

Piazza del Lavoro
Via Luigi Luiggi

Piazza Edoardo Masdea
Clivo della Montagnola

Piazza dei Navigatori

Piazza Pantero Pantera
Via Elvio Pertinace

Via Carlo Randaccio
Piazza Ricoldo da Montecroce
Via Giulio Rocco

Piazza di Sant'Eurosia
Piazza Giuseppe Sapeto

Piazza Teodosio

Le statue e i monumenti del Rione Borgo

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Rione Borgo

- Statue degli Angeli di Ponte Sant'Angelo, Ponte Sant'Angelo
- Statua di Santa Caterina da Siena, Largo Giovanni XXIII
- Eterno Mendicante, Lungotevere in Sassia
- Statua di San Paolo, Ponte Sant'Angelo
Busto di Bernardino Passeri, Via dei Penitenzieri
- Statua di San Pietro, Ponte Sant'Angelo

Edicole Sacre del Rione Borgo

A seguire un elenco delle Edicole Sacre situate nel Rione Borgo, elencate in base all'ordine alfabetico della strada in cui si trovano.

Via dei Penitenzieri
- Edicola Sacra dell'Immacolata Concezione

Strade scomparse del Rione Castro Pretorio

A seguire un elenco delle strade del Rione Castro Pretorio oggi non più esistenti. Per le strade attualmente esistenti del quartiere, rimandiamo a quest'altro elenco.

Strada dell'Alta Semita

Via Francesco Carrara

Piazza dell'Esedra

Zone, aree urbanistiche e toponimi del Rione Campo Marzio

A seguire un elenco di zone, aree urbanistiche, località e toponimi presenti all'interno del Rione Campo Marzio:

Contrada dell'Ortaccio

Ponti di Roma

A seguire, alcune liste relative ai ponti di Roma:

Ponti sul Tevere
Ponti sull'Aniene
Altri ponti

Ponti scomparsi di Roma

Ponti di epoca Romana
Ponti di epoca Papale
Ponti di epoca sabauda
Ponti di epoca fascista
Ponti di epoca moderna

Ponti scomparsi di Roma

A seguire un elenco dei ponti di Roma non più esistenti, da monte a valle per ciascun fiume:

Tevere:
Ponte dei Fiorentini

Le strade del Quartiere Pietralata

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Pietralata.

Via del Casale Rocchi

Via dei Legumi

Via Pomona

Via del Sedano

Via Tiburno

Borghetto di Vigna Mangani

Le fontane del Rione Parione

A seguire un elenco delle fontane presenti nel Rione Parione, elencate in ordine alfabetico.

Fontana di Piazza della Cancelleria, Piazza della Cancelleria
Fontana di Via della Posta Vecchia, Via della Posta Vecchia

Le fontane del Rione Ponte

A seguire un elenco delle fontane presenti nel Rione Ponte, elencate in ordine alfabetico.

Fontanadel Putto (secca), Via Giulia
Fontana del Teatro Apollo, Lungotevere Tor di Nona

Le strade del Quartiere Della Vittoria

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Della Vittoria.

Via Antonio Baiamonti

Via Dardanelli

Via della Giuliana

Via Don Giuseppe Morosini

Via Eleonora Pimentel

Le strade della Zona Cesano

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nella Zona Cesano.

Piazza Padella

Borgo di Sopra
Borgo di Sotto

Le strade della Zona Santa Maria di Galeria

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nella Zona Santa Maria di Galeria.

Piazza di Santa Maria di Galeria

Le strade del Quartiere Nomentano

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Nomentano.

Via Agrigento

Via Cuneo

Via Giovanni Mingazzini

Via della Marsica

Via di Sant'Angela Merici
Via San Genesio

Viale Ventuno Aprile

Via Paolo Zacchia

Le strade del Quartiere Primavalle

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Quartiere Primavalle.

Via Federico Borromeo

Via Giuseppe Mezzofanti

Via Pio IX

Le targhe commemorative della Zona Cesano

A seguire, suddivise per strada (elencate in ordine alfabetico), trovate l'elenco delle targhe commemorative presenti nella Zona Cesano.

Piazza Francesco Caraffa:
- Targa in memoria dei caduti di Cesano di tutte le guerre

Le targhe commemorative del Quartiere Primavalle

A seguire, suddivise per strada (elencate in ordine alfabetico), trovate l'elenco delle targhe commemorative presenti nel Quartiere Primavalle.

Piazza Clemente XI
- Targa in memoria di Mario Salvi
- Targa in memoria di Mario Salvi

Le strade del Rione Sant'Angelo

A seguire, un elenco di tutte le strade attualmente esistenti nel Rione Sant'Angelo.

Largo 16 Ottobre 1943

Via del Foro Piscario

Piazza di Monte Savello

Via Paganica
Vicolo dei Polacchi

Via di Sant'Angelo in Pescheria

Via della Tribuna di Campitelli

Approfondimenti

Cosa vuol dire SPQR?
Il cedro era uno status symbol nell'Antica Roma
La costruzione del Palazzo di Giustizia
Le gladiatrici
Marco Antonio, un nemico nella toponomastica italiana
Perché a Roma nevica raramente?
Perché Roma è detta Caput Mundi?
Perché Roma è detta la Città Eterna?
Perché Roma è detta vedova e sola?
Perché Roma è stata scelta come capitale d'Italia?
Perché Roma non ha grattacieli
Perché Roma si chiama così?
I qualificatori stradali di Roma
Un quartiere dedicato ai poeti romaneschi a Trastevere?
Roma nella Divina Commedia
Roma Nord vs Roma Sud: in morte delle delle vecchie sottoculture di Roma
La storia delle foto di Pio XII dopo il bombardamento di San Lorenzo
Le strade che hanno cambiato nome durante il fascismo
Terremoti a Roma
Toponomastica interrotta

Le statue e i monumenti del Rione Sant'Angelo

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Rione Sant'Angelo

- Monumento ai caduti dei Rioni Campitelli, Pigna, Ripa e Sant'Angelo, in Piazza di Monte Savello
- Seconda Casa Roma-Gerusalemme, in Via del Foro Olitorio
- Busto di Giggi Zanazzo, in Via dei Delfini

Zone, aree urbanistiche e toponimi nel Quartiere Tuscolano

A seguire un elenco di zone, aree urbanistiche, località e toponimi presenti all'interno del Quartiere Tuscolano:

Fontane del Rione Ludovisi

A seguire un elenco delle fontane presenti nel Rione Ludovisi, elencate in ordine alfabetico.

Fontanina del Cane, in Via Vittorio Veneto

Fontane del Quartiere Trieste

A seguire un elenco delle fontane presenti nel Quartiere Trieste, elencate in ordine alfabetico.

Fontana del Cardinale Pierbenedetti (secca), in Vicolo della Fontana

Le targhe commemorative del Quartiere Portuense

A seguire, suddivise per strada (elencate in ordine alfabetico), trovate l'elenco delle targhe commemorative presenti nel Quartiere Portuense.

Via Portuense
- Targa in memoria dei caduti del Quartiere Portuense
- Targa in memoria di Massimo Crash Kid Colonna
- Targa in memoria di Claudio Graziosi

Via degli Stradivari
- Targa in memoria del bombardamento del Palazzo dei Ferrovieri

Edicole Sacre del Quartiere Tuscolano

A seguire un elenco delle Edicole Sacre situate nel Quartiere Tuscolano, elencate in base all'ordine alfabetico della strada in cui si trovano.

Via degli Angeli
- Madonna Immacolata del Borghetto degli Angeli

Via Orvieto
- Madonna del Divino Amore in Via Orvieto

Villa Massimo


Il casino di Villa Massimo in una foto dei primi del Novecento

Villa Massimo è una villa, di cui oggi rimangono una piccola parte e il casino, situata nel Quartiere Nomentano, lungo Via di Villa Massimo. Essa non va confusa con altre due ville di Roma, Villa Massimo Colonna, che sorgeva in Vicolo di San Basilio, nel Rione Ludovisi, Villa Giustiniani Massimo, che si trova invece in Via Matteo Boiardo, nel Rione Esquilino, e Villa Massimo, ex Villa Montalto, nel Rione Castro Pretorio.
Le origini della villa risalgono al XVI Secolo quando la famiglia Massimo acquistò una serie di canneti e vigneti lungo il primo tratto del Vicolo di Pietralata, attuale Via Giovanni Battista De Rossi, l'area attualmente compresa nel Quartiere Nomentano verso Piazza Bologna.
Nello specifico, la vasta proprietà che andò a formarsi, era compresa proprio tra il già citato Vicolo di Pietralata, attuale Via Giovanni Battista De Rossi, ed il Vicolo di Sant'Agnese, oggi ricalcato dalle vie Viale XXI Aprile, Piazza Bologna, Via Ravenna, Via Catanzaro, e, successivamente, Villa Torlonia.

In questa mappa della Congregazione del Censo del 1832 è possibile vedere il lungo viale che dalla Via Nomentana conduceva alla villa

L'accesso alla Villa era lungo Via Nomentana, su cui era presente un grande portone, poco prima di Villa Torlonia, e da cui iniziava un lungo viale che passava nel mezzo delle proprietà dei Colonna e dei Bolognetti, costeggiava Villa Torlonia raggiungendo poi l'area principale della villa dopo un lungo percorso contenente una curva a gomito. Questo percorso è oggi riconoscibile nelle attuali Via Spallanzani, Via Siracusa e Via di Villa Massimo.
Il casino principale, ancora esistente, visibile in Via di Villa Ricotti, risale al XVIII Secolo.

Pianta catastale della villa allegata all'atto di vendita, 1887

Nel 1882, quando a Roma stava entrando nel vivo la febbre edilizia, Emlio Massimo e Ippolita Boncompagni vendettero la villa a Henriette Kellerman, una nobildonna francese figlia del terzo duca di Valmy, che la rivendette nel 1887 a due diversi gruppi di imprenditori per un valore pari a cinque volte quello dell'acquisto.
Un gruppo di banchieri del Nord Italia, guidato dal costruttore ticinese Enrico Maraini, acquistò la striscia di appezzamenti meridionali, che partivano dalla Via Nomentana, dove fece costruire una serie di villini che si svilupparono intorno all'attuale Via Spallanzani, mentre l'altro imprenditore, il torinese Giulio Ricotti, acquistò il resto dei terreni, molto più estesi, che tuttavia non venne immediatamente edificato a causa della crisi immobiliare.

L'ingresso della Villa Ricotti intorno al 1910

Nel 1908 anche questo appezzamento venne diviso a sua volta tra un lotto di proprietà del Ricotti, che divenne villa Ricotti, ed uno controllato dal politico Sidney Sonnino, dalla ditta Rodocanacchi di Livorno e dal banchiere Eduard Arnhold. Questo lotto settentrionale fu rilevato nel 1910 dall'Arnhold, deciso a costruire un'accademia per giovani artisti tedeschi.


Il pittore svizzero Massimiliano Zurcher fu inaricato di progettare un nuovo casino e gli atelier per gli artisti, inoltre il giardino storico fu arricchito di reperti archeologici, fontane e rovine. I lavori terminarono nel 1913, anno in cui l'accademia fu aperta.


Il nuovo casino dell'Accademia Tedesca si sviluppa su un piano, è caratterizzato da un portale bugnato al pianterreno, mentre al piano superiore si apre una loggia con parapetto a balaustri compresa fra due coppie di colonne con capitello ionico. Finestre architravate occupano il piano terra e il primo piano. Il fregio del cornicione contiene una scritta in latino, il tetto è in coppi alla romana. Ai lati dell'edificio si aprono due portici simmetrici ad arcate su colonne, sormontati da un pergolato.


Fu inoltre realizzato anche il nuovo grande portale d'ingresso su Largo di Villa Massimo, costituito da quattro pilastri ricoperti di bugne di peperino sul cui capitello è posto un olle di terracotta. Soltanto fra i due pilastri centrali si apre la cancellata d'ingresso.


Accanto all'ingresso si trova il casino del custode, di forme rustiche con il tetto in coppi alla romana, progettato sempre da Zurcher.

Uno splendido viale di Villa Massimo oggi contenuto nell'Accademia Tedesca

Il vasto giardino conserva l'assetto originale settecentesco, costituito da viali di cipressi paralleli orientati in senso Nord-Sud, intersecati da viali orizzontali. Il lato destro del giardino si affaccia su Viale Ventuno Aprile con una terrazza belvedere dotata di una lunga balaustra decorata da busti di età romana e da un finto tempietto in rovina.


Al centro del piazzale, davanti agli studi degli artisti, è posta una grande fontana composta da una vasca mistilinea decorata da sfere decorative, che si apre centralmente in una balaustra, e si appoggia posteriormente a una quinta architettonica composta da un portale, inquadrato da colonne corinzie su pilastrini e sormontato da un timpano spezzato contenente un vaso. Nel portale è posta la statua di Apollo, mentre ai lati sono posti quattro busti romani.
Il casino principale, ormai facente parte di Villa Ricotti, nel 1914 divenne di una casa di cultura dove venivano aiutate le giovani artiste emergenti grazie all'impulso di Eleonora Duse. Negli anni venti vi abitò il diplomatico e politico Carlo Sforza e negli anni trenta vennero effettuati una serie di lavori, condotti dall'architetto Michele Busiri Vici, dopo aver realizzato le lottizzazioni residenziali nella zona.
Proprio nel 1930, infatti, venne istituita e resa transitabile la Via di Villa Ricotti.
Di fronte al casino era inoltre presente una fontana romana, che è stata trasferita presso Villa Abamelek.
Negli anni sessanta il casino Ricotti divenne sede dell'ambasciata algerina, e vi rimase fino agli anni settanta. Proprio nel 1974 fu colpita da un attentato compiuto da membri fuoriusciti dall'OAS (Organisation Armeé Secrete).

Le statue e i monumenti del Quartiere Prenestino-Centocelle

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Quartiere Prenestino-Centocelle

Statua di San Pio da Pietrelcina, in Piazza San Felice da Cantalice

Edicole Sacre del Quartiere Alessandrino

A seguire un elenco delle Edicole Sacre situate nel Quartiere Alessandrino, elencate in base all'ordine alfabetico della strada in cui si trovano.

Largo Mola di Bari
- Edicola della Madonna del Divino Amore al Quarticciolo

Roma in Spagna

A seguire un elenco, città per città, delle testimonianza di Roma che sono presenti in Spagna

Segovia
Monumento di Roma alla città di Segovia in occasione del bimillenario dell'acquedotto

Roma nel Mondo - Paese per Paese

Cliccando su ciascun paese, le tracce e le testimonianze di Roma che si trovano entro i suoi confini

Roma in Spagna

Siti archeologici del Rione Parione

A seguire una lista dei siti archeologici presenti nel Rione Parione, elencati in ordine alfabetico

Cippo del Pomerio di Claudio, in Via del Pellegrino

Siti archeologici di Roma

A seguire una serie di elenchi per ciascuna suddivisione toponomastica di Roma relativi ai siti e resti archeologici:

Siti archeologici nel Rione Monti
Siti archeologici nel Rione Trevi
Siti archeologici nel Rione Colonna
Siti archeologici nel Rione Campo Marzio
Siti archeologici nel Rione Ponte
Siti archeologici nel Rione Parione
Siti archeologici nel Rione Regola
Siti archeologici nel Rione Ripa
Siti archeologici nel Rione Trastevere
Siti archeologici nel Rione Sallustiano
Siti archeologici nel Rione Testaccio

Siti archeologici nel Quartiere Tiburtino
Siti archeologici nel Quartiere Prenestino-Labicano

Siti archeologici nella Zona Marcigliana
Siti archeologici nella Zona Tor Sapienza
Siti archeologici nella Zona Torre Gaia

Taekwondo Roma Grand Prix 2018


Tra l'1 e il 3 Giugno 2018 Roma ha ospitato, presso lo stadio Nicola Pietrangeli, il World Taekwondo Grand Prix.

Vecchie targhe stradali

A seguire un elenco - per suddivisione toponomastica - delle vecchie targhe stradali ancora visibili.

Rione Campo Marzio:
- Vecchia targa stradale di Via della Penna

Rione Trastevere
- Vecchia targa stradale di Via della Pelliccia

Targhe delle sezioni di partito

La politica in una capitale ricca di storia come Roma non può mancare: girando per Roma si possono trovare numerose vecchie e nuove targhe di sezioni di partito, talvolta di realtà ancora esistenti e altre di partiti sciolti in ambienti adibiti a tutt'altro uso. A seguire una lista suddivisa per per partito (elencati in ordine alfabetico):

Associazione Nazionale Combattenti e Reduci (ANC)
- Targa dell'Associazione Nazionale Combattenti alla Garbatella, Via Paolo Orlando
- Targa della sezione dell'Associazione Nazionale Combattenti San Lorenzo-Tiburtino-Esquilino-Monti-Macao, in Via dei Volsci
- Targa della sezione dell'Associazione Nazionale Combattenti Testaccio-San Saba-Aventino, Via Nicola Zabaglia

Democrazia Cristiana (DC)
- Targa della sezione DC San Saba-Ardeatino-Aventino, Via Salvator Rosa
- Targa della sezione DC Trieste-Salario, Via Sebino

Partito Comunista Italiano (PCI)
- Targa della sezione PCI Regola-Campitelli, Via dei Giubbonari
- Targa della sezione PCI San Saba, Via Baccio Pontelli

Partito Democratico della Sinistra (PDS)
- Targa della sezione del PDS di Piazza Bainsizza, Piazza Bainsizza

Partito Repubblicano Italiano (PRI)
- Targa della sottosezione PRI Appio-Latino, Via La Spezia
- Targa della sottosezione PRI Garbatella, Via Edgardo Ferrati
- Targa della sottosezione PRI Testaccio, Via Lorenzo Ghiberti

Partito Socialista Italiano (PSI)
- Targa della sezione PSI Quarticciolo, Piazza del Quarticciolo
- Targa del circolo PSI Testaccio-Aventino, Piazza Santa Maria Liberatrice
- Targa del circolo del PSI Garbatella, Via Edgardo fERRATI

Socialisti Italiani (SI)
- Targa della sezione Socialista di Torre Spaccata, Via Adone Finardi

Targhe di altre organizzazioni

Le statue e i monumenti del Rione Regola

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Rione Regola

-Statua di Giordano Bruno, Campo de' Fiori
-Statua di Federico Seismit-Doda, in Piazza Benedetto Cairoli
-Statua di Virgilio, Lungotevere dei Tebaldi (Liceo Virgilio)

Le statue e i monumenti del Rione Parione

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Rione Parione

-Statua di Giordano Bruno, Campo de' Fiori
-Statua di Pietro Metastasio, Piazza della Chiesa Nuova
-Statua di Marco Minghetti, Piazza San Pantaleo
-Statua di Pasquino (statua parlante), Piazza Pasquino

Fontane del Rione Testaccio

A seguire un elenco delle fontane presenti nel Rione Testaccio, elencate in ordine alfabetico.

Fontana delle Anfore, in Piazza Testaccio
Fontana di Pio IX, in Lungotevere Testaccio

Targhe di pubblica utilità

In giro per Roma si possono trovare numerose targhe che possiamo definire "di pubblica utilità", con cui negli anni sono stati elencati regole, permessi, divieti ed informazioni d'altro tipo. Il caso più famoso sono probabilmente le targhe del mondezzaro, in cui si segnalano i luoghi in cui era permesso gettare l'immondizia. Per esse rimandiamo a un altro elenco.

Ecco a seguire, elencate per suddivisioni toponomastiche, le targhe:

Rione Trevi
- Targa del Palazzetto Canobi

Rione Parione:
- Targa di regolamentazione del mercato dei polli, Piazza del Teatro di Pompeo

Rione Regola
- Targa delle affissioni del Governatorato, Via del Pellegrino
- Targa del Conservatorio di San Clemente, Via delle Zoccolette

Rione Sant'Eustachio:
- Targa della proprietà Lazzaroni, Via di Sant'Anna

Rione Sant'Angelo:
- Targa in cui si proibisce il Giuoco al Portico d'Ottavia
- Targa delle teste di pesce al Portico d'Ottavia

Rione San Saba:
- Targa che garantisce il pubblico utilizzo dei prati di Testaccio, in Piazza di Porta San Paolo

Quartiere Nomentano:
- Targa di divieto d'accesso, in Via Giovanni Battista Morgagni

Diverse aree:
- La numerazione dei vecchi lampioni a gas
- Targhe che proibiscono di fare il mondezzaro

Gli alberi e le piante storici di Roma

Nella storia di Roma ci sono stati anche piante ed alberi che hanno acquisito una notevole importanza. Ecco un elenco:

Il Fico di Via Margutta, in Via Margutta

Mondiali di Calcio 2018 - Rerum Romanarum simpatizza per il Perù


Il 14 Giugno 2018 iniziano i Mondiali di Calcio in Russia, quelli che potremmo definire "i Mondiali senza Italia", visto che gli Azzurri come purtroppo ricordiamo bene non sono riusciti a qualificarsi, fatto che non avveniva dal 1958.
Il Mondiale di Calcio, tuttavia, è un evento non solo sportivo, ma anche sociale e culturale molto importante in tutto il mondo, in modo particolare in un Paese come l'Italia dove il calcio è seguitissimo: l'assenza della nostra nazionale non sarà dunque un'occasione per non seguire i Mondiali - pur con l'amaro in bocca di non esserci - e, perché no, con una simpatia e un occhio di riguardo per una nazionale in particolare.
Proprio a questo riguardo, molti siti, giornali, organizzazioni hanno dato un proprio sostegno pubblico a una nazionale specifica. La Gazzetta dello Sport, maggior testata sportiva italiana, ha per esempio deciso di sostenere l'Islanda, una nazionale che ha già messo simpatia a molti tifosi in occasione degli Europei 2016, e come loro altri giornali e siti stanno facendo ragionamenti simili.
Anche Rerum Romanarum, dunque, ha pensato di fare una cosa del genere.
Prima di raccontare il nostro ragionamento, è però bene fare alcune premesse: la prima è che in assenza dell'Italia è difficile parlare di "tifo" per una squadra, ma che è più corretto parlare di "simpatia", e la simpatia, calcisticamente, spesso può arrivare per più d'una squadra, perché diciamolo, ma sono molte le nazionali per cui si può provare questo sentimento.
La seconda, è che il nostro non è un sito di sport. Parliamo di sport - non spesso, ma ne parliamo - perché questo è uno degli aspetti della storia, della cultura e della società di Roma, ma in ogni caso non è il tema centrale di questo sito, che è prima di tutto un sito su Roma e sulla sua storia: la scelta sulla squadra da sostenere in modo particolare a questi mondiali non può prescindere da questo fatto.
Arrivati a questo punto, per quanto la strada da seguire per chi sostenere sia chiara, la scelta ancora non è facile. Roma ha infatti, in un modo o nell'altro, rapporti storici con tutti e 32 i Paesi che saranno rappresentati al Mondiale. Ma ne abbiamo scelto uno, che sarà la squadra che simpatizzeremo a questi Mondiali di Russia 2018: si tratta del Perù.
Seppur lontano, il Perù ha storici rapporti con Roma e, soprattutto, con 13mila persone rappresenta la comunità di un Paese presente al Mondiale più numerose presente a Roma.
La nazionale del Perù ai Mondiali del 1970
Andando a vedere il campo, il Perù rappresenta un gradito ritorno nella storia dei Mondiali di Calcio: manca infatti dal 1982, anno in cui ebbe anche modo di incontrare l'Italia (poi Campione del Mondo) nel girone. Nel 1970, invece, il Perù arrivò ai quarti di finale con una delle squadre più forti della sua storia, guidata dal grande Teofilo Cubillas, uno dei più grandi calciatori peruviani di sempre, che quell'anno segnò ben sei goal al Mondiale.
Detto questo, abbiamo fatto la nostra scelta, che comporterà da parte nostra avere un occhio di riguardo per questa squadra. Ma quello che sarà importante vedere, pur senza gli Azzurri, è un grande Mondiale: che vinca il migliore!

Le statue e i monumenti del Quartiere Parioli

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Quartiere Parioli

-Statua di Sant'Andrea, Piazzale Cardinal Consalvi
-La Lotta, Piazza XVII Olimpiade angolo Via Unione Sovietica
-Statua di Jan Palach, Piazza Jan Palach
-Il Pugilato, in Via Gran Bretagna
-Statua di José Protasio Rizal, Piazza Manila

Le statue e i monumenti del Quartiere Pinciano

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Quartiere Pinciano

-Statua dell'Alpino, Largo Aqua Felix (Villa Borghese)
-Statua di Josè Gervasio Artigas, Viale Fiorello La Guardia (Villa Borghese)
-Statua di George Gordon Byron, Piazzale Brasile (Villa Borghese)
- Colonna in memoria dei caduti di Via Flaminia e Ponte Milvio, tra Via Flaminia e Viale Tiziano
-Statua di Esculapio, Laghetto di Villa Borghese (Villa Borghese)
-Statua di Firdusi, Piazza Firdusi (Villa Borghese)
-Statua di Giasone, Piazza Thorwaldsen
Statua di Goethe, Viale Goethe (Villa Borghese)
-Statua di Victor Hugo, Viale Hugo (Villa Borghese)
-Statua di Inca, Piazzale Paolina Borghese (Villa Borghese)
-Statua del Mulo, Largo Aqua Felix (Villa Borghese)
- Statua di José Protasio Rizal, in Piazzale Manila
-Statua di Josè de San Martin, Piazza Josè de San Marin (Villa Borghese)
-Statua di Francisco de Paula Santander, Viale Madama Letizia (Villa Borghese)
-Statua di Ahmed Shawqi, Piazzale Paolina Borghese (Villa Borghese)
-Statua di Simon Bolivar, Piazzale Simon Bolivar (Villa Borghese)
-Statua di Umberto I, Villa Borghese

Le statue e i monumenti del Rione Ponte

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Rione Ponte

-Statue degli Angeli di Ponte Sant'Angelo, Ponte Sant'Angelo
- Statua di Terenzio Mamiani Della Rovere, in Via Acciaioli
-Statua di San Paolo, Ponte Sant'Angelo
-Statua di San Pietro, Ponte Sant'Angelo
-Statua di Nicola Spedalieri, Piazza Sforza Cesarini

Fontane del Quartiere Flaminio

A seguire un elenco delle fontane presenti nel Quartiere Flaminio, elencate in ordine alfabetico.

- Fontane dei Delfini, in Piazza Perin del Vaga

Le statue e i monumenti del Quartiere Ostiense

A seguire un elenco con le statue e i monumenti presenti nel Quartiere Ostiense.

- Monumento in memoria dei Militari Caduti nella Difesa di Roma, in Piazzale Ostiense

Perù a Roma

Bandiera del Perù
Il Perù è un paese dell'America Meridionale, abitato da oltre 33 milioni di persone e la cui capitale è Lima. Esso è indipendente dal 1821, quando ottenne l'indipendenza dalla Spagna che ne aveva il controllo fin dal XVI Secolo.
I primi rapporti tra Roma e il Perù risalgono quindi alla prima metà del XVI Secolo, periodo in cui la Spagna, potenza legatissima a Roma e al Papato, iniziò la conquista dell'Impero Inca, che comprendeva anche l'attuale Perù e la sua antichissima civiltà, di cui rimangono importanti resti archeologici.
I legami proseguirono grazie all'adesione di gran parte della popolazione peruviana al Cattolicesimo. Prova di rapporti tra Roma e il Perù è, nel XVII Secolo, la realizzazione da parte dello scultore Melchiorre Caffà di una statua raffigurante Santa Rosa da Lima, voluta da Papa Clemente IX Rospigliosi perché venisse inviata presso la Cattedrale di Santo Domingo a Lima, dove tuttora si trova.
Nel XIX Secolo il dominio spagnolo sul Perù iniziò a vacillare, e i cosiddetti Libertadores iniziarono una serie di guerre che portarono all'indipendenza degli stati sudamericani. L'indipendenza del Perù venne proclamata nel 1821 da Josè de San Martin e resa effettiva nel 1824 da Simon Bolivar: entrambe queste importanti figure per la storia del Perù e del Sudamerica in generale sono passati da Roma, che fu una tappa importante per le rispettive vicende.
L'eroe argentino José de San Martin passò a Roma dove visse nell'attuale Hotel Minerva, come ricorda una targa posta sulla sua facciata.
Il venezuelano Simon Bolivar fu a Roma nel 1805, e da lì presso Monte Sacro decise di compiere un importante giuramento, noto come El Juramiento, in cui si impegnò a liberare i popoli sudamericani dalla dominazione spagnola. I giuramento - che si ispirava a quello della Plebe Romana del V secolo avanti Cristo, avvenuto proprio presso il Monte Sacro - è molto importante nella vita di Bolivar, perché qui si impegnò a portare avanti la liberazione dei popoli sudamericani che mise in pratica tra il 1819 e il 1825. A Simon Bolivar sono dedicate due targhe in Piazza Monte Baldo ed una piazza presso Villa Borghese, dove è presente un monumento equestre del Liberatore. In passato la piazza a lui dedicata si trovava anch'essa a Monte Sacro, dove oggi è presente anche un obelisco in memoria di Bolivar.
Nel 1852 il Perù, da alcuni decenni divenuto indipendente, stabilì a Roma la propria missione diplomatica presso la Santa Sede, che andò ad insediarsi presso il Palazzo Mignanelli, in Piazza Mignanelli, guidata dal sacerdote ed educatore Bartolomé Herrera. Herrera è stato infatti ricordato in tale luogo nel 2002, quando venne posta una targa in sua memoria.
La comunità peruviana a Roma e in tutta l'Italia ebbe una crescita notevole alla fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 del XX Secolo, quando una forte crisi economica portò migliaia di persone, soprattutto donne, a trasferirsi in Italia in cerca di lavoro. Questa comunità si è saputa integrare e ha messo radici, e con il tempo queste donne - che spesso hanno trovato impiego come collaboratrici domestiche, infermiere o commesse - sono state raggiunte da fratelli, mariti e figli.
Attualmente (dati ISTAT 2016) a Roma ci sono circa 13mila cittadini peruviani, di cui il 38,9 per cento uomini.
L'integrazione di questa comunità ha portato alla nascita di una sviluppata imprenditoria da parte dei cittadini peruviani a Roma. Oggi nella Capitale sono presenti, ad esempio, molti ristoranti peruviani, tra cui La Gallina Capricciosa in Via Giuseppe Sacconi, El Norteno in Via del Castro Pretorio, Los Hijos del Sol in Via Cincinnato, La Fortaleza Inca in Via Romanello da Forlì, Lima Chicken in Via Flaminia, Inca Chicken in Via Palestro e la China Chola in Via Tuscolana, per citarne alcuni.
In Perù, nel distretto di La Libertad, esiste una città che si chiama Roma: non sappiamo se esista o meno un collegamento con gli storici rapporti esistenti tra Roma e il Perù.