Vicolo del Quartiere


Vicolo del Quartiere è una strada del Rione Trastevere compresa tra Via di Ponte Sisto e Vicolo Moroni. Il nome deriva dalla prima sede del quartiere (da intendere come acquartieramento militare) della Guardia Corsa Papale, corpo militare costituito nel 1603 su iniziativa di Papa Clemente VIII Aldobrandini (1592-1605) che volle reclutare in Corsica 600 fanti. Il corpo (scioltosi nel 1662) aveva San Crisogono come propria Chiesa di riferimento (per questo è ancora oggi la Chiesa dei Corsi) e più tardi si spostò presso Piazza della Trinità dei Pellegrini, finché nel 1662 non venne sciolta su pressione francese dopo uno scontro tra militi corsi e francesi, questi ultimi presenti in Roma per la difesa dell'ambasciatore di Francia.

Via di San Francesco di Sales


Via di San Francesco di Sales è una strada del Rione Trastevere compresa tra Via della Lungara e Via delle Mantellate. A dare il nome alla strada furono la Chiesa e il Monastero della Visitazione dedicati a San Francesco di Sales, oggi inglobati nel complesso carcerario di Regina Coeli.
La Chiesa venne fondata da Papa Clemente IX Rospigliosi nel 1669 per le monache della Visitazione e per questo fu detta "Santa Maria della Visitazione e San Francesco di Sales". L'architetto fu Giovan Battista Contini. Nel 1794 il complesso venne acquistato dal commerciante di seta Vincenzo Masturzi che lo affidò alla figlia che ne fece la sede delle Serve di Maria che adottarono la regola di Santa Giuliana Falconieri e venivano dette "Mantellate", da cui il nome della strada limitrofa. Nel 1873 il complesso venne espropriato dal Regno d'Italia che ne fece il carcere femminile, noto con il nome di carcere "delle Mantellate", che qui rimase fino al 1963 quando tale sezione carceraria venne trasferita a Rebibbia (la campana del vecchio carcere è invece conservata al Museo Criminologico). Da quel momento il complesso divenne una caserma per la Polizia Penitenziaria. Nel 2005 la Chiesa, che dal 1873 era sconsacrata, venne nuovamente officiata alla presenza del Segretario Generale della CEI Monsignor Giuseppe Betori e del Ministro della Giustizia Roberto Castelli.
La strada in passato era stata chiamata anche Vicolo Lante alla Lungara, perché limitrofa alla Villa Lante al Gianicolo, e Via del Monastero del Sacro Cuore.
Nel 1873 un tratto della strada, quello non perpendicolare a Via della Lungara (collegato al restante da una svolta ad angolo retto) venne chiamata Via del Sacro Cuore.
Questi ultimi due nomi sono dovuti alla presenza nella strada (entro i confini di Villa Lante) della Chiesa del Sacro Cuore di Gesù, qui realizzata dal capomastro Gerolamo Vantaggi che non volle essere pagato ma venisse istituita una cappellino in suffragio della sua anima, che venne realizzata. La Chiesa è la prima di Roma a essere stata dedicata al Sacro Cuore di Gesù.
Nella strada è anche presente una piccola Chiesa dedicata a Santa Teresa del Bambin Gesù, qui realizzata nel 1925 in occasione della canonizzazione della Santa su progetto di Brandi. La Chiesa fa ora parte di un complesso di proprietà del Ministero della Difesa.

Altri siti che ne parlano:
Via di San Francesco di Sales - in Info Roma
Via di San Francesco di Sales - in Roma Segreta

Ristoranti scomparsi del Rione Campo Marzio

Da Giggi, in Via Belsiana

Trattoria "Da Giggi"


La trattoria Da Giggi è un ristorante scomparso di Roma che si trovava in Via Belsiana, nel Rione Campo Marzio. Si trattava di un ristorante di cucina romana, qui esistente fin dagli anni '50 che ha chiuso i battenti nel 2018.

Il cartello lasciato sulla porta del ristorante dopo la chiusura nel 2018

Targa in memoria di Pier Paolo Pasolini


La targa in questione si trova in Via Giacinto Carini, nel Quartiere Gianicolense, e ricorda lo scrittore italiano Pier Paolo Pasolini (Bologna 1922 - Roma 1975), che presso questa casa visse tra il 1959 e il 1965.
La targa è stata qui posta dal comune di Roma e dal quartiere.

Via Giambattista Marino


Via Giambattista Marino è una strada del Quartiere Gianicolense compresa tra Via Ambrogio Traversari e Via Alessandro Poerio. È stata istituita nel 1959, in una piccola porzione di Monteverde che in quel momento non era urbanizzata (come si può vedere sotto in un dettaglio di una mappa del 1943).
La mappa del 1943 con lo spazio successivamente occupato da Via Giambattista Marino
In linea con la toponomastica della zona, in cui le strade sono dedicate a grandi letterati italiani, si decise di dedicare questa strada al poeta barocco Giambattista Marino (Napoli 1569-1625).
La posizione della strada, elevata rispetto al vicino Viale Trastevere, prevede una suggestiva veduta del Gazometro.

Ristoranti scomparsi nel Quartiere Della Vittoria

Da Felicetta, nella zona di Villa Madama