Le targhe commemorative del Rione Regola

A seguire, suddivise per strada (ordinate in ordine alfabetico), trovate l'elenco delle targhe commemorative presenti nel Rione Regola.

Via Arenula
- Targa in memoria di Carlo Zaccagnini

Via de' Balestrari
- Targa in memoria del rifacimento di Via Florea

Piazza Benedetto Cairoli
- Targa in memoria dell'apertura del giardino di Piazza Benedetto Cairoli a spese di Guglielmo Huffer

Via dei Cappellari
- Targa in memoria di Pietro Metastasio

Piazza Farnese
- Targa in memoria di Santa Brigida di Svezia
- Targa in memoria dell'Enciclica Ut Unum Sint
- Targa in memoria della visita di Giovanni Paolo II alla Chiesa di Santa Brigida

Campo de' Fiori
- Targa d'inciampo in memoria del rogo del Talmud

Via Giulia
- Targa in memoria di Giorgio Labò e Gianfranco Mattei

Vicolo delle Grotte
- Targa in memoria di Aldo Fabrizi

Via del Mascherone
- Targa in memoria di Francesco Girolamo Cancellieri
- Targa in memoria di Guglielmo Waiblinger

Via di Monserrato
- Targa in memoria di Beatrice Cenci
- Targa in memoria della casa ad immagine di quella di Santa Caterina da Siena

Via di Montoro
- Targa in memoria della Venerabile Mary Ward

Via del Pellegrino
- Targa dell'ampliamento di Via del Pellegrino
- Targa in memoria di Luigi Collalti

Via di San Bartolomeo de' Vaccinari
- Targa in memoria di Cola di Rienzo

Via degli Specchi
- Targa in memoria di Mario Salvi

Piazza della Trinità dei Pellegrini
- Targa in memoria di Goffredo Mameli

Via delle Zoccolette
- Targa in memoria dell'ampliamento del Conservatorio dei Santi Clemente e Crescentino
- Targa in memoria della fondazione dell'Ospedale Bambino Gesù

Palazzo della Democrazia Cristiana


Il Palazzo della Democrazia Cristiana - noto anche come Palazzo Sturzo - si trova in Piazzale Luigi Sturzo, nel Quartiere Europa, meglio noto come EUR. Esso fu costruito con lo scopo di essere una delle due sedi della Democrazia Cristiana, da affiancare a quella di Piazza del Gesù, sita in Palazzo Cenci Bolognetti.
La nuova sede dell'EUR fu realizzata tra il 1955 ed il 1958 dall'architetto Saverio Muratori in seguito alla vittoria di un apposito concorso. Lo stile del palazzo si colloca perfettamente nel pensiero di Muratori, basato su strutture elastiche e sul recupero di stili locali, tipico dell'architettura degli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale in Italia. Esso si sviluppa attraverso un edificio circondato da portico cui si sovrappongono un piano nobile, piani ammezzati e un loggiato.
Questo edificio contrasta molto con le monumentali architetture dell'EUR in travertino progettate durante il fascismo, ma al tempo stesso vi si coniuga anche attraverso la successiva evoluzione del quartiere.
Con lo scioglimento della Democrazia Cristiana, negli anni Novanta l'edificio è passato al Partito Popolare Italiano che lo ha venduto nel 2005.

Vicolo di San Nicola de' Cesarini


Vicolo di San Nicola de' Cesarini è una strada del Rione Pigna composta tra Piazza dei Calcarari e Largo dei Ginnasi. Essa prende il nome dalla Chiesa di San Nicola dei Cesarini, un tempo esistente nell'area e distrutta negli anni '20 per i lavori che hanno portato alla luce l'Area Sacra di Largo Argentina.
La strada è nata nel 1938, in seguito ai lavori che hanno cambiato faccia alla zona con l'allargamento di Via delle Botteghe Oscure: tale strada - dal percorso abbastanza breve - ricalcava infatti una parte di Via di San Nicola de' Cesarini, dalla quale venne dunque distinta con il nome di Vicolo di San Nicola de' Cesarini.

Targa per lampioni a gas numero 1199



La targa dei lampioni a gas numero 1199a si trova in Via dei Lucchesi, nel Rione Trevi, molto vicina alla Croce presente nella strada ed addossata alla parete della Chiesa di San Bonaventura dei Lucchesi.

Targa del Mondezzaro di Via dei Lucchesi


La targa del mondezzaro di Via dei Lucchesi, nel Rione Trevi, è stata affissa nel 1733 e fa riferimento a bandi pubblicati il 14 Luglio di tale anno. Nella targa sono inoltre indicati i vicini luoghi del mondezzaro, ovvero "il capo croce che va a Fontana di Trevi e alla Dataria" e "su la piazza per andare alla Pilotta".
Il testo, nello specifico, recita così:
"Per ordine di Monsignor Illustrissimo Presidente delle Strade si proibisce a qualunque persona di buttare mondezzai in questo loco sotto le pene di scudi dieci contenute secondo li bandi publicati del d XIIII Luglio MDCCXXXIII Li mondezzari stanno al capo croce che va a Fontana di Trevi e alla Dataria e l'altro su la piazza per andare alla Pilotta".

Carta Baedeker di Roma (1897)

Clicca per ingrandire
Questa mappa di Roma fa parte di una guida turistica edita da Karl Baedeker nel 1897. Le guide turistiche Baedeker erano molto diffuse all'epoca e note per la loro precisione nelle carte geografiche e negli stradari.
Questa mappa mostra anche le linee tranviarie e gli omnibus.

Croce di Via dei Lucchesi


In Via dei Lucchesi, nel Rione Trevi, addossata ad un muro della Chiesa di San Bonaventura dei Lucchesi, è presente una grande croce lignea. Sopra di esso è inoltre posta la targa numero 1199a che nel XIX Secolo segnalava la presenza di un lampione a gas.