Targa in memoria di Cesare Battisti


La targa in questione si trova in Via Cesare Battisti, nel Rione Trevi, e ricorda il patriota Cesare Battisti (Trento 1875 - Trento 1916), impiccato per volontà delle autorità Austriache.
La targa è stata qui posta il 20 Settembre 1916, pochi mesi dopo rispetto a quando la strada fu dedicata allo stesso Cesare Battisti. Nella delibera del 21 Luglio 1916 in cui la strada viene dedicata al Patriota, è anche richiesto di porvi una targa che commemori degnamente lo stesso Cesare Battisti.
Il testo della targa fu affidato a Ferdinando Martini, che lo scrisse con uno stile piuttosto aggressivo:
"La disperata austriaca ferocia volle offesi e puniti in Cesare Battisti la stirpe la Fede l'amore della Patria e della libertà nella cieca barbarie del supplizio sé condannò all'obbrobrio del mondo lui votando all'ammirazione dei secoli".
Il governo dell'epoca, guidato da Vittorio Emanuele Orlando, ritenne però che questi toni potessero divenire fonte d'imbarazzo per i rapporti con l'Austria al termine della guerra, e  commissionò al Martini un nuovo testo chiedendo di usare toni più moderati.
Il Martini, tuttavia, mandò un testo provocatorio:
"A temporaneo ricordo di Cesare Battisti con dimenticabile inopportunità dannato alle forche dalla cionondimeno veneranda canizie di Francesco Giuseppe temporaneo nemico Roma superba di serbarsi fedele alla sapienza popolare che ammaestra 'il morto giace e il vivo si dà pace' presso alla strada che dal nome del martire temporaneamente s'intitola questa nobile pietra pose 20 Settembre 1916".
Il testo, ovviamente, venne respinto. Tuttavia, l'ascesa del Fascismo - cui Martini aderì - portò all'approvazione totale del testo originario dai toni considerati all'epoca aggressivi.

Nessun commento:

Posta un commento