Suburbio Aurelio

Il Suburbio Aurelio si trova ad Ovest dell'omonimo quartiere e come esso deve il proprio nome alla Via Aurelia. Come molte zone situate al di fuori delle Mura Aureliane è stato per secoli principalmente un'area di campagna, in cui erano presenti diversi casali, come l'ancore esistente Casale di Torre Rossa, risalente al XVI Secolo.
In questa zona, nel 1684, il Cardinale Gaspare Carpegna volle costruire la sua villa, Villa Carpegna, tuttora esistente.
Tra il 1877 ed il 1891 in questa zona fu costruito il Forte Boccea, uno dei forti costruiti per la difesa di Roma.
Nel 1938 l'architetto Marcello Piacentini vi costruì invece Villa Giovannelli-Fogaccia.
Sempre negli anni Trenta il Conte Fogaccia, proprietario della villa, iniziò a lottizzare i suoi terreni nella zona, dando così origine alla Borgata di Montespaccato, costruita tra l'omonima strada e la Via Cornelia.
A partire circa dallo stesso periodo, nella zona hanno iniziato ad insediarsi numerosi Conventi ed Istituti Religiosi, fatto che è proseguito anche dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando è iniziata l'urbanizzazione del quartiere, che ha principalmente seguito la direzione di Via Boccea e di Via Aurelia.
Anche per questa ragione, la zona è comunemente nota tra i Romani come Boccea.
Dal 2000, la zona è raggiungibile attraverso la Linea A della Metropolitana di Roma, nello specifico dalle fermate Cornelia e Battistini.

Chiese:
Cappella della Santa Croce
Santa Maria Janua Coeli
Cappella di Nostra Signora del Carmelo
Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia
Santissimo Sacramento

Forti:
Forte Boccea

Ville:
Villa Carpegna
Villa Giovannelli Fogaccia

Parchi e riserve naturali:
Tenuta di Acquafredda

Fermate della Metropolitana:
Cornelia (Linea A)
Battistini (Linea A)

Nessun commento:

Posta un commento