Piazza dei Calcarari


Piazza dei Calcarari si trova nel Rione Pigna, compresa tra Via delle Botteghe Oscure e Via San Nicola dei Cesarini. La piazza di per sé nacque ufficialmente nel 1938, quando in occasione dei lavori di allargamento di Via delle Botteghe Oscure venne a crearsi questa nuova piazza che venne chiamata Piazza dei Calcarari, ma l'origine di questo toponimo è ben più antica, e proprio per la storia che i "calcarari" ebbero in quest'area si decise di dare alla piazza tale nome.
Del toponimo ad Calcararia si ha notizia per la prima volta nel 1023: la regione dei calcarari era probabilmente estesa grossomodo tra la zona di San Carlo ai Catinari e la Chiesa delle Stimmate, fino forse quasi al Pantheon, ed era così chiamata per le numerosi fornaci per lavorare la calce che erano presenti. La zona nel Medioevo era infatti una delle più ricche di marmi di monumenti dell'Antica Roma, che venivano polverizzati nei forni per farne la calce. Messa da parte pian piano quest'industria, nel 1938 si volle dedicare la nuova piazza ai Calcarari per ricordare un toponimo che a Roma fu particolarmente importante, tanto che molte Chiese ebbero l'appellativo "in Calcarario".
Nella piazza è presente la Torre del Papitto, una torre medievale liberata ed in parte ricostruita dal Munoz sempre nell'ambito dei lavori che qui si svolsero tra il 1938 ed il 1940. Nella piazza è inoltre presente il Ducati Café, un popolare bar del centro di Roma a tema moto della Ducati.

Nessun commento:

Posta un commento