Toponomastica interrotta

La toponomastica non si limita a dare un nome ai luoghi, ma anche a caratterizzarli. Se si parla di Monte Bianco ci aspettiamo di trovarci di fronte a un monte, così come se parlare di Mar Mediterraneo ci aspettiamo un mare, e le nostre aspettative non vengono infatti deluse. Magari però, di fronte al Mar Caspio, avendo esso le caratteristiche di un lago (seppur di enormi dimensioni), rimaniamo stupiti. La risposta la troviamo nelle sue grandi dimensioni e nella sua storia, dal momento che quando i Romani vi si affacciarono la prima volta lo chiamarono Mare Ircanio, e mare da quel momento rimase.

Lo stesso che vediamo su toponimi geografici lo possiamo vedere anche nell'odonomastica, nelle strade della città. Se il qualificatore di una strada è Piazza ci aspettiamo una piazza e non un vicolo, così come viceversa. "Se non conosci il nome muore anche la conoscenza delle cose", diceva il naturalista svedese Carlo Linneo, e per questa ragione un nome alterato può darci una diversa percezione della conoscenza delle cose.

Ma allora, perché lo spiazzo che si trova di fronte alla casa di Alberto Sordi si chiama Viale Claudio Marcello e non piazza? Perché lo svincolo tra Via Cristoforo Colombo e Viale Guglielmo Marconi, difficile anche individuare come spazio, è chiamato Piazza del Lavoro? Perché la piazza che si apre tra Via Giulia e Via del Pellegrino si chiama Vicolo della Moretta?

Anche in queste - ed in altre - situazioni, come per il Mar Caspio, una risposta c'è. Sono tutti esempi di quella che ci permettiamo di definire "toponomastica interrotta".

Cos'è la toponomastica interrotta?

Non tutte le strade nascono per essere come poi diventano. Il Viale Claudio Marcello, ad esempio, avrebbe dovuto attraversare il Parco di Monte d'Oro, ma tale parco non venne poi realizzato a causa dello scoppio della guerra, stessa ragione per cui la Piazza del Lavoro prese questo nome ma il suo progetto venne accantonato, considerando più funzionale uno svincolo. Diversamente, il Vicolo della Moretta è stato per secoli un vicolo, ma alcuni sventramenti nella zona lo hanno decisamente allargato, trasformandolo di fatto in una piazza pur continuando a chiamarsi vicolo.

Sotto l'insegna di toponomastica interrotta possiamo dunque raggruppare tutte quelle strade che hanno un qualificatore diverso da quello che hanno in apparenza a causa di un'interruzione, arrivata prima della completa realizzazione o dopo che le strade in questione già si presentavano così come erano state concepite.

Questi sono solo alcuni casi di toponomastica interrotta, tra i tanti che possiamo testimoniare in una città come Roma che ha visto nei secoli una continua evoluzione urbanistica.

Nessun commento:

Posta un commento