Vicolo dei Fornaciari


Vicolo dei Fornaciari era una strada un tempo esistente nel Quartiere Aurelio. Essa nacque come traversa di Via di Valle Aurelia, e si trovava nella zona del Borghetto dei Fornaciari, ovvero la zona - lungo tale valle - in cui a partire dal XIX Secolo sorsero numerose fornaci di argilla e mattoni, che furono una delle principali produzioni industriali di Roma.
Tale strada costeggiava alcune fornaci ed abitazioni dei fornaciari, e fu inizialmente chiamato Vicolo Emiliani. Tuttavia, per evitare l'omonimia con il Vicolo Emiliani che esisteva all'epoca nel Quartiere Pinciano, nel 1920 si decise di cambiare il nome di questa strada in Vicolo dei Fornaciari.
Con il passare del tempo, le fornaci - ed il limitrofo borghetto - vennero abbandonati, ed in parte distrutti, soprattutto nel 1981, anno in cui il Comune mise in atto un ampio piano di sgombero dei borghetti e degli edifici spontanei in tutta Roma. Il tutto, mentre nel frattempo tutt'intorno era sorto il nuovo Quartiere Aurelio ed i nuovi palazzi popolari di Valle Aurelia.
Vicolo dei Fornaciari cessò dunque di esistere, e nel 1984 il Comune di Roma ne prese atto, sopprimendolo.

Nessun commento:

Posta un commento