Vicolo Scanderbeg


Vicolo Scanderbeg è una strada del Rione Trevi, compresa tra Via della Dataria e Via del Lavatore. Essa deve il proprio nome al fatto che qui, lungo la strada, è presente il palazzo del Principe albanese Giorgio Castriota, noto con il soprannome di Sacanderbeg (in albanese Skenderbeu).
Scanderbeg si recò a Roma nel 1466 per chiedere a Papa Paolo II Barbo (1464-1471) il proprio sostegno alla causa dei cristiani d'Albania che stavano combattendo contro l'Impero Ottomano.


Qui è dunque ancora oggi presente il palazzo Scanderbeg, seppur decisamente alterato nell'aspetto a causa di un restauro del 1843. Unica cosa che sembra essere rimasta inalterata è il ritratto del Principe Scanderbeg, perché sembra che tra le richieste nel lascito del palazzo ci fosse quella di restaurare tale ritratto ogni volta che fosse stato necessario.
Il nome del vicolo non è mai stato facile da pronunciare per i romani, che quindi lo avevano a suo tempo alterato in Vicolo Scannabecchi.
Nel vicolo è presente una targa che indicava la presenza di lampioni a gas.

Altri siti che ne parlano:
Vicolo Scanderbeg - in Roma Segreta

Nessun commento:

Posta un commento