Via Vicenza



Via Vicenza si trova nel Rione Castro Pretorio, compresa tra Via Marsala e Viale Castro Pretorio. La strada nacque con la costruzione del Quartiere Macao, nella seconda metà dell'Ottocento, e collegava la caserma Macao alla vecchia Stazione Termini

Via Vicenza denominata Via del Castro Pretorio, nel 1876

Il nome di questa strada, inizialmente, fu Via del Castro Pretorio, che a sua volta prendeva il nome dell'originale Viale Castro Pretorio, realizzato sotto il pontificato di Pio IX, che più o meno partendo dalla zona di Piazza dell'Indipendenza arrivava alla Caserma Pontificia Pio IX.
I primi edifici ad essere costruiti furono due villini, tra cui il Villino Bonghi, ad angolo con Via dei Mille, realizzato da Giulio de Angelis nel 1873, vi si affacciava anche il giardino del Villino Aghemo, oggi demolito. Nel 1879 lungo la strada, ad angolo con Via Marsala, vennero poste le fondamenta della chiesa parrocchiale del quartiere, l'odierna Basilica del Sacro Cuore di Gesù.

Il Villino Bonghi in Via Vicenza

Nel 1881 il Consiglio Comunale decise di riordinare le strade del Quartiere Macao, questo era il nome con cui era conosciuta gran parte dell'attuale Rione Castro Pretorio, e dettero a questa strada il nome di Via Vicenza, in memoria della resistenza della città dall'assedio degli Austriaci nel 1848 in quella ricordata anche come Battaglia di Monte Berico e che vide le truppe dello Stato Pontificio guidate da Giovanni Durando affiancare i volontari della Repubblica di San Marco contro le truppe del maresciallo Josef Radetzky.
A partire dal 1880 venne costruita sulla limitrofa Via Marsala, proprio all'angolo con Via Vicenza, la Basilica del Sacro Cuore di Gesù, voluta nel 1870 dal Papa Beato Pio IX Mastai Ferretti (1846-1878) e portata avanti da San Giovanni Bosco perché fosse punto di riferimento dei Salesiani a Roma.
Nella strada ha abitato il Tenente Salvatore Grasso (Catania 1921 - Roma 1944), militare antifascista ucciso nel 1944 a Forte Bravetta e ricordato da una targa nella strada.
Oggi la parte della strada più limitrofa alla Stazione Termini risente notevolmente della vocazione turistica della zona.

Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy