Villino Bonghi



Il Villino Bonghi è un villino risalente al 1873, posto in Via Vicenza n. 5, ad angolo con Via dei Mille, nel Rione Castro Pretorio, oggi occupato dall'Hotel Villa delle Rose.
L'edificio fu costruito per ospitare la residenza romana dell'Onorevole Ruggiero Bonghi, ministro della Pubblica Istruzione dal 1874 al 1876, giornalista e intellettuale.


Il progetto fu redatto nel 1872 dall'architetto Giulio de Angelis, nel lotto di terreno in cui furono realizzati dallo stesso architetto, per la Società Generale di Credito Immobiliare e Costruzioni, quattro villini, tra le prime costruzioni realizzate al Macao.

Il villino Bonghi visto da Via Vicenza nel 1877

L'edificio è a tre piani, con tre finestre per piano ed ha una pianta quadrangolare, lo stile adottato dal de Angelis è quello del rinascimento lombardo.


Un bugnato rustico riveste il piano seminterrato, mentre al pian terreno le bugne sono lisce, le finestre sono monofore a tutto sesto. Il piano nobile è occupato da bifore su colonnine corinzie inquadrate da cornici a tutto sesto, fra le finestre sono poste lesene binate con capitello corinzio, l'ultimo piano è occupato da finestre a tutto sesto sempre associate a lesene binate.


In Via dei Mille è posta la lapide con il busto che ricorda il primitivo proprietario, Ruggiero Bonghi.
L'interno era occupato dalla grande biblioteca dello storico, in un salone che affacciava sul giardino. Gli interni furono decorati dagli scultori umbri Raffaele Angeletti e Francesco Biscarini, i soffitti furono invece dipinti dal pittore Domenico Bruschi.

Affresco con la Filosofia che guida la Letteratura del Bruschi

Il villino oggi è occupato dall'Hotel Villa delle Rose, il restauro eseguito di recente ha eliminato i colori rossicci tipici degli anni venti del Novecento, tornando sui colori chiari originali.




Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy