Via Alibert


Vicolo Alibert è una strada del Rione Campo Marzio che da Via del Babuino raggiunge Via Margutta e prosegue oltre. La strada originariamente si chiamava Vicolo del Carciofolo all'Orto di Napoli, o per via di un'insegna di osteria, o per un orto di carciofi - la zona, urbanisticamente nata nel XVI Secolo, fu per molto tempo in gran parte adibita ad orti -, o per un qualche rudere che aveva la forma simile a questo ortaggio. Fu anche detto "Vicolo sterrato che sbocca alla Chiesa dei Greci", ed in questo caso non c'è molto da ragionare su quali fossero le ragioni di questa dicitura.
La strada prese poi il nome di Vicolo Alibert perché qui l'omonima famiglia ebbe la propria abitazione ed il proprio teatro, inizialmente nato nel XVII Secolo come un campo di pallacorda e trasformato nel 1717, periodo in cui a Roma sorsero numerosi teatri. Gli Aibert nel 1725 lo cedettero al Vaini ed ai Cavalieri di Malta, e prese il nome di Teatro delle Dame. Acquistato dai Torlonia nel XIX Secolo, nel 1863 andò a fuoco e non venne ricostruito. Oggi la struttura ospita uno spazio per eventi.
Tornando al Vicolo, nel 1870 quando Roma venne annessa al Regno d'Italia, esistevano due Vicoli Alibert: questo, ovvero l'attuale Via Alibert, e l'attuale Via degli Orti d'Alibert a Trastevere.
Si decise dunque di risolvere l'omonimia, dando al vicolo trasteverino il nome "degli Orti d'Alibert", dal momento che lì era presente la villa della famiglia. Per il vicolo di Campo Marzio si era pensato di chiamarlo "Via degli Studi" per via dei numerosi studi di artisti presenti, ma la proposta non ebbe seguito.
La strada si presenta infatti confinante con Via Margutta, ritenuta la via degli artisti di Roma, e numerosi studi erano anche nel vicolo presenti. Un pittore che ebbe un importante presenza nel vicolo fu il tedesco Anselm Feuerbach, che spesso si recava all'Osteria di Nanna Liberta (corruzione popolare di "Anna dell'Alibert"), dove conobbe la proprietaria Anna Ascari che divenne la sua modella.
Nel 1924 il Comune di Roma decise di cambiare il nome della strada da Vicolo Alibert a Via Alibert per via della centralità della strada.

Nessun commento:

Posta un commento