Via del Mare



La Via del Mare è una strada provinciale che conduce da Roma ad Ostia, partendo nei pressi dell'incrocio tra la la Via Ostiense e Viale Marconi, nel Quartiere Ostiense, e attraversando il Quartiere Europa, le Zone Torrino, Mezzocammino, Acilia Nord, Acilia Sud e Casal Palocco e concludendosi ai confini tra i Quartieri Lido di Ostia Ponente e Lido di Ostia Levante. E' lunga 23.1 km.
La strada fu progettata nel 1926 come autostrada, cioè adibita alle sole automobili, aveva origine dalla Via Ostiense, all'altezza della Basilica di San Paolo e arrivava fino ad Ostia, con quattro lunghi tratti rettilinei e leggere curve.
Essa rientrava nel progetto di espansione di Roma verso il mare, associato alla costruzione della ferrovia Roma-Lido e alla realizzazione del nuovo insediamento di Ostia Mare.
La Via Ostiense era all'epoca sterrata e spesso interessata da allagamenti, vista la vicinanza con il Tevere.



I lavori iniziarono il primo ottobre 1927, ad opera dell'impresa 'La Strada', che impiegò 1200 operai circa, furono scavati ampi tratti in trincea e vennero realizzati alcune porzioni in rilevato, con massicciata in pietra di tufo. Furono costruiti cinque ponti in muratura e quattro in cemento armato.
Il cantiere procedette speditamente, nonostante le condizioni metereologiche avverse, e venne concluso nell'ottobre del 1928.



La prima autostrada gratuita d'Europa, la seconda Italiana dopo la Milano-Laghi, fu solennemente inaugurata il 28 ottobre 1928 dal Governatore di Roma Boncompagni Ludovisi e da Benito Mussolini, che la percorse dalla Basilica di San Paolo ad Ostia con un'Alfa Romeo 1750.
La strada era larga 14 metri, con due vie carrabili laterali per il transito ordinario e dei mezzi agricoli. 

L'inizio della Via del Mare, presso la Basilica di San Paolo, in una mappa del 1943


L'intero percorso non aveva alcun incrocio per tutta la sua lunghezza. Due colonne miliarie in travertino furono poste all'inizio e alla fine dell'autostrada.

Pietra miliare posta di fronte alla Basilica di San Paolo

Lateralmente furono piantati degli alberi, mentre centralmente vennero posti degli oleandri, lungo tutto il suo percorso la via era illuminata da 3500 lampioni.



Oggi è una strada provinciale ad alto scorrimento del quadrante meridionale di Roma.

Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy