Piazza del Lavoro


Piazza del Lavoro si trova nel Quartiere Ostiense, alla confluenza del Viale Guglielmo Marconi con la Via Cristoforo Colombo. Tale piazza venne istituita nel 1940 come parte del progetto di espansione di Roma verso il Tirreno in vista dell'Esposizione Universale del 1942, mai avvenuta a causa della guerra, e che anche per questa ragione ha cambiato completamente funzione, divenendo una sorta di svincolo tra due strade ad alto scorrimento.
Nel progetto originale questa piazza doveva essere un raccordo del tridente composto dalla Via Imperiale (attuale Via Cristoforo Colombo), il Viale Guglielmo Marconi e il Viale Dante, che corrisponde all'odierno Viale Leonardo da Vinci. Doveva essere dunque una sorta di piazza che faceva da porta trionfale tra la cittadella dell'E42 e il resto di Roma.
L'E42 visto dal tridente di Piazza del Lavoro progettato da Augusto Baccin
Nel 1941 viene dunque bandito un concorso per la realizzazione di questa piazza dall'importante funzione scenografica, concorso che viene vinto dal progetto di Augusto Baccin, che risulta particolarmente monumentale.
Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, tuttavia, portò all'interruzione dell'ambizioso progetto di espansione che dopo il conflitto verrà ripreso solo in piccola parte. Piazza del Lavoro, come abbiamo scritto in precedenza e come si può vedere passandoci, è una piazza solo di nome: non si ha alcuna percezione di essere in una piazza e, di fatto, è uno svincolo tra Viale Guglielmo Marconi e Via Cristoforo Colombo: rappresenta, per questo, un caso di toponomastica interrotta.

Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy