Villino de Hernandez



Il Villino de Hernandez si trova in Via Romagna n. 17 ad angolo con Via Sardegna nel Rione Ludovisi.
L'edificio fu costruito nel 1912 dall'ingegner Quadrio Pirani per la scultrice argentina Lola Mora Vega de Hernandez.
La scultrice era venuta a Roma nel 1897 ed era stata allieva di Giulio Monteverde.
Il villino doveva avere la funzione di residenza e atelier dell'artista.

Lola Mora de Hernandez


L'edificio è molto elaborato nella decorazione in stile eclettico, nel progetto originale era dotato di una torre angolare con tetto a cono, è probabile che la stessa Lola abbia contribuito in prima persona alla progettazione. 
Il villino si sviluppa su tre piani, ha un fronte lineare su Via Sardegna mentre su Via Romagna è mosso, caratterizzato da due torrette circolari angolari.



Le facciate sono rivestite a bugnato liscio nei primi due piani e sono rivestite da bugnato angolare con capitelli corinzi. Le finestre sono tutte decorate da elaborate cornici di stucco, quelle del secondo piano sono ad arco a tutto sesto con un architrave orizzontale ed eleganti decorazioni in stucco, l'architrave è mistilineo nel fronte delle torrette. Inoltre tutte le finestre del secondo piano hanno dei balconcini con ringhiera in elaborati ferri battuti. L'attico termina con delle terrazze a balaustra impreziosite da vasi.
Molti furono gli artisti e personaggi celebri che frequentarono la sua casa, tra cui Gabriele D'Annunzio, lo scultore Mario Rutelli, Guglielmo Marconi, il maestro Giulio Monteverde, persino le Regine Margherita ed Elena furono ospiti del suo atelier.
L'edificio è oggi sede di una banca che ha provveduto ad un restauro correttamente eseguito, che ha ridato al villino i colori chiari originali.

Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy