Grand Hotel Continental



Il Grand Hotel Continental era un albergo di Roma situato in Piazza dei Cinquecento, ad angolo con Via Cavour, nel palazzo di destra dei due edifici gemelli di Piazza dei Cinquecento, nel Rione Castro Pretorio.
L'edificio fu costruito nel 1876 per essere la testata di Via Cavour e doveva funzionare da entrata monumentale alla nuova capitale per chi veniva dalla Stazione Termini, che all'epoca aveva il fabbricato degli arrivi proprio di fronte ai due palazzi, in quella che si chiamava Piazza della Stazione.



I due edifici gemelli furono progettati da Francesco Virlay in forme particolarmente monumentali, essi hanno infatti un portico al piano terra scandito da lesene in granito.
I piani superiori invece sono rivestiti a bugnato liscio, sono decorati da lesene d'ordine gigante con capitelli ionici e al livello superiore corinzi, le finestre del piano nobile sono dotate di un timpano.



L'edificio di destra, di proprietà Lugani, divenne da subito sede del Grand Hotel Continental, un grandissimo albergo che affacciava direttamente sulla Stazione Termini.




L'albergo aveva circa trecento camere ed era arredato lussuosamente. Nel 1899 era dotato di ascensori, poste e telegrafi e illuminazione elettrica.


L'ingresso era caratterizzato da grandi arcate a tutto sesto e stucchi sui soffitti, mentre grandi lampadari di murano illuminavano le sale. Il Ristorante e le Sale lettura erano arredate lussuosamente.



Alla fine sella Prima Guerra Mondiale divenne proprietaria dell'albergo la famiglia Veneziana degli Spada, che a Venezia gestiva l'Hotel del Lido.



Durante la Seconda guerra mondiale vi soggiornarono gli ufficiali e i sottoufficiali Scozzesi.
La gestione rimase in mano alla famiglia Spada, che alla fine lo chiuse nel 1974.
Oggi l'edificio appartiene alla Polizia di Stato, ed è stato restaurato in maniera corretta.

Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy